• Step A
  • Step B
  • Step C
  • Step D
  • http://media.seoposizionamento.it/slider/piccola/slider_a_16_1.jpg
  • http://media.seoposizionamento.it/slider/piccola/slider_b_14_2.jpg
  • http://media.seoposizionamento.it/slider/piccola/slider_c_13_3.jpg
  • http://media.seoposizionamento.it/slider/piccola/slider_d_11_4.jpg
Ricerca libera
Tipologia
Senza una buona Social Media Strategy non si va da nessuna parte. Può sembrare una frase banale, quasi scontata, in realtà capire come potenziare l'immagine dell'azienda nel mondo dei social media non è mai così semplice, sopratutto all'inizio.

Siamo tutti d'accordo sul fatto che oggi i social media rappresentano un'ottima vetrina per mettere in mostra il proprio brand e ottenere un alto tasso d'interazione con i consumatori che da semplici spettatori diventano parte attiva del nostro piano marketing.

Per un’azienda che decide di diventare social è, perciò, indispensabile pensare ad un piano d'azione ben definito, ad una Social Media Strategy in grado di valorizzarla nel miglior modo possibile. Purtroppo non c'è una formula magica che valga per tutti, ogni azienda deve trovare la sua strada, ma esistono dei passaggi fondamentali che ogni Social Media Strategy deve rispettare. Eccoli racchiusi in 5 punti.

1. Identificare cosa si vuole pubblicizzare e gli obiettivi che si vogliono raggiungere. Un piano editoriale accurato e in linea con l'immagine aziendale è necessario e imprescindibile: tutto deve essere definito all'inizio e non in corso d'opera.

2Ascoltare il cliente e i competitor, le aziende "rivali". Capire i gusti, gli interessi e le esigenze dei consumatori permette, non solo di definire il target preciso a cui rivolgersi, ma anche il modo in cui farlo. Osservare, invece, come i competitor si muovono sui social sarà una marcia in più per rendere ancor più efficace la nostra Social Media Strategy.

3. Creare contenuti strategici. Un'azienda "social" vuole innanzitutto avvicinarsi ai propri clienti, parlare con loro e coinvolgerli in modo attivo. Per questo non bisogna mai sottovalutare ciò che si pubblica perché è ciò che diciamo e come lo facciamo che genera un like, un commento, una condivisione o l’abbandono della pagina e la perdita di un potenziale cliente. Se non si pensa ad una Social Media Strategy ricca di contenuti capaci di creare un punto d'incontro con le persone meglio lasciar perdere.

4. Pubblicare call-to-action efficaci. Messaggi brevi, chiari e d'effetto che invoglino il pubblico ad un'azione ben precisa. Sarà grazie a questi "inviti all'azione" che l'interesse degli utenti si trasformerà in un risultato concreto e redditizio per il nostro marchio. Ad esempio "Clicca qui per ottenere subito uno sconto del 50%".

5. Ultimo, ma non meno importante, monitorare e analizzare in modo costante i risultati della nostra campagna. Non bisogna avere la presunzione di credere che la Social Media Strategy che abbiamo creato sia perfetta. Solo gli utenti, il loro tasso d'interazione e i risultati ottenuti ci diranno cosa è andato bene e cosa, invece, bisogna migliorare. Per questo è necessario tenere tutto sotto controllo, monitorare ogni movimento e analizzare i dati con continuità e precisione.
cookies policy